Kylie Sabra – Intervista

What was briefly your experience in Second Life?
I have been the Curator of The Rose Theatre & Art Galleires since February of 2011. I first exhibited at The Rose in February of 2010 and she utterly won my heart.  I started building and photographing as soon as I came in world back in October 2009.  I never stopped. Creating something from nothing is so very satisfying to me.

When did you discover your artistic passion?
I’ve always been a creative:art, music, writing. But SL gave me an avenue for creativity that was not hindered by education, economics, or frankly, any limitations whatsoever. If you can dream it here you can make it.

Do you practice the art only in SL or in RL also ?
I am an RL photographer as well. And my SL work is available for sale in the RL.

Where do you scoop the inspiration for your works in SL?
My muse? Oh she is a fickle creature, descending upon me out of the mists with no warning at all.  About the time I think she has disappeared altogether, she appears once more.  It just happens–a mood or my eye catches a glimpse of something and I just know. That’s it! I have to shoot it.

What are the main features of your works?
Depth of color and emotion.  Most of my work, I’ve noticed, centers around the use of rich jewel tones.  But the real key is emotion.  There’s a story in there. You just have to read it for yourself.

Is there a theme or a key to the works you exhibit here in ArtEdLand?
I didn’t know until the moment I began to build what my work here would be.  It is the way I work at The Rose as well. Sometimes it is a frightening prospect: Like ever living on the edge.

What is your prediction for the evolution of artistic languages in SL?
As the technology improves and grows, we will find our imaginations given wings to fly unfettered.

———————————————————————————————————————————————————————————

Kylie Sabra Intervista – Traduzione Italiana

Qual è stata brevemente la tua esperienza in Second Life?
Sono stata la curatrice artistica a “The Rose Theatre & Art Galleries” fino a Febbraio del 2011. La mia prima esibizione risale a The Rose nel febbraio del 2010 e ho avuto una grandissima soddisfazione personale. Ho cominciato a costruire e fotografare fin da quando sono nata in SL nell’ottobre del 2009 e da allora non mi sono più fermata. Creare dal nulla è una cosa che mi soddisfa moltissimo.

Quando hai scoperto la tua passione artistica?
Sono sempre stata una creativa: arte, musica, scrittura, ma SL mi ha dato la possibilità di esprimere la mia creatività senza vincoli di educazione, disponibilità economiche o di qualsiasi altro tipo. Se tu puoi sognare qualcosa qui puoi realizzarlo.

Ti occupi di arte solo in SL o anche in RL?
In RL sono una fotografa e i miei lavori in SL sono in vendita anche in RL.

Da dove attingi l’ispirazione per i tuoi lavori in SL?
La mia musa? E’ una creatura imprevedibile che viene a trovarmi e scende su di me dalle nebbie, improvvisa. Quando penso che sia scomparsa da molto tempo, appare improvvisamente ancora una volta. Avviene in un attimo – un’atmosfera che il mio occhio cattura o intravede – questo accade e devo agire in fretta.

Quali sono le principali caratteristiche dei tuoi lavori?
Profondità del colore ed emozione. La maggior parte dei miei lavori, ho notato, hanno come punto di riferimento la ricchezza delle tonalità, ma la vera caratteristica è l’emozione. C’è una storia dentro ad ogni mio lavoro, non vi resta che leggerla.

C’è un tema o una chiave di lettura dei lavori che esporrai qui ad ArtEdLand?
Non lo so ancora, per il momento ho cominciato a costruire il lavoro che esporrò. Questo è il mio modo di lavorare anche a The Rose. A volte mi rendo conto che è una prospettiva spaventosa: vivere sempre in bilico e al limite.

Cosa vedi nel futuro dell’espressione artistica in SL?
Come la tecnologia si evolve e cresce così noi troveremo sicuramente il modo per mettere le ali alla nostra immaginazione.

 

 

Leave a Reply

Calendario
July 2019
M T W T F S S
« Oct    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031