Interviste

Megan Prumier – Intervista

Com’è iniziata brevemente la tua esperienza in Second Life?
Una mia amica ci giocava e mi è piaciuto.

Quando hai scoperto la tua passione artistica?
Non so se è proprio una cosa artistica,l’unica cosa che so è che in SL puoi far viaggiare la creatività e la fantasia.

Pratichi questa tua passione in SL o anche in RL?
Solo in SL.

Da dove attingi l’ispirazione per le tue opere?
Per le cose che costruisco faccio viaggiare la fantasia come detto sopra mi piace costruire seguendo l’ispirazione del momento e senza tanti schemi.Per quanto riguarda le foto mi piace fotografare i bellissimi paesaggi che offre SL.

Quali sono le principali caratteristiche estetiche dei tuoi lavori?
Nelle mie foto mi piace aggiungere strati di texture e giocare molto con  luci e colori mentre le mie costruzioni sono inspirate a temi post apocalittici e fantasy.

I lavori che esporrai qui ad ArtEdLand hanno un tema specifico o una chiave di lettura?
Ho voluto rappresentare quello che mi piace fare in SL come un turbinio di oggetti che prendono forma e tramite una luce diventano il mondo virtuale che ci circonda rappresentato dalle mie foto.

Come prevedi si evolveranno i linguaggi artistici in SL nel futuro?
SL è uno strumento fantastico e sempre in evoluzione per quanto riguarda l’arte, puoi fare quello che vuoi con  oggetti scripts textures e quant’altro, magari trà qualche anno saremo in 3D pure noi!

Cayenne Avon Interview

What was briefly your experience in Second Life?
Its an amazing place and i’m still descovering new things every day.
The creativity, people from all over the world coming together, you don’t even need to speak the same language beacuse you find ways to communicate. Was happy for a long time just to see other artists work, there are so many tallented people, and it inspires me very much.

When did you discover your artistic passion?
I’ts always been a part of my life, and I find new ways all the time to express myself.

Do you practice the art only in SL or in RL also ?
My artworks are started in RL, the paintings you see in SL comes from real drawings and paintings I make in RL and then continue to work on in Photoshop before brought in here.

Where do you scoop the inspiration for your works in SL?
My works are inspired from everything i see and hear and feel and think. I like visiting other artist openings beacuse i always take a little piece of inspiration with me.

What are the main features of your works?
Combining rl paintings and drawing with digital tecnique, building enviroments and sculptures, I also started experimenting with particles, light and sound.

Is there a theme or a key to the works you exhibit here in ArtEdLand?
Yes. I grew up having close to deep forrests were i spend many hours playing and discovering nature as a child. I always experienced trees as forrest as living and breathing, the older the forrest and trees are the more soul I felt it had, there are many beliefs about mystical creatures living in these forrest and one is the Dryad who is a tree nymph, that is a female spirit of a tree, the connection between the tree and nymph are so strong that if one dies the other dies too.

What is your prediction for the evolution of artistic languages in SL?
Only the imagination is the limit for what we can do.

Kylie Sabra – Intervista

What was briefly your experience in Second Life?
I have been the Curator of The Rose Theatre & Art Galleires since February of 2011. I first exhibited at The Rose in February of 2010 and she utterly won my heart.  I started building and photographing as soon as I came in world back in October 2009.  I never stopped. Creating something from nothing is so very satisfying to me.

When did you discover your artistic passion?
I’ve always been a creative:art, music, writing. But SL gave me an avenue for creativity that was not hindered by education, economics, or frankly, any limitations whatsoever. If you can dream it here you can make it.

Do you practice the art only in SL or in RL also ?
I am an RL photographer as well. And my SL work is available for sale in the RL.

Where do you scoop the inspiration for your works in SL?
My muse? Oh she is a fickle creature, descending upon me out of the mists with no warning at all.  About the time I think she has disappeared altogether, she appears once more.  It just happens–a mood or my eye catches a glimpse of something and I just know. That’s it! I have to shoot it.

What are the main features of your works?
Depth of color and emotion.  Most of my work, I’ve noticed, centers around the use of rich jewel tones.  But the real key is emotion.  There’s a story in there. You just have to read it for yourself.

Is there a theme or a key to the works you exhibit here in ArtEdLand?
I didn’t know until the moment I began to build what my work here would be.  It is the way I work at The Rose as well. Sometimes it is a frightening prospect: Like ever living on the edge.

What is your prediction for the evolution of artistic languages in SL?
As the technology improves and grows, we will find our imaginations given wings to fly unfettered.

———————————————————————————————————————————————————————————

Kylie Sabra Intervista – Traduzione Italiana

Qual è stata brevemente la tua esperienza in Second Life?
Sono stata la curatrice artistica a “The Rose Theatre & Art Galleries” fino a Febbraio del 2011. La mia prima esibizione risale a The Rose nel febbraio del 2010 e ho avuto una grandissima soddisfazione personale. Ho cominciato a costruire e fotografare fin da quando sono nata in SL nell’ottobre del 2009 e da allora non mi sono più fermata. Creare dal nulla è una cosa che mi soddisfa moltissimo.

Quando hai scoperto la tua passione artistica?
Sono sempre stata una creativa: arte, musica, scrittura, ma SL mi ha dato la possibilità di esprimere la mia creatività senza vincoli di educazione, disponibilità economiche o di qualsiasi altro tipo. Se tu puoi sognare qualcosa qui puoi realizzarlo.

Ti occupi di arte solo in SL o anche in RL?
In RL sono una fotografa e i miei lavori in SL sono in vendita anche in RL.

Da dove attingi l’ispirazione per i tuoi lavori in SL?
La mia musa? E’ una creatura imprevedibile che viene a trovarmi e scende su di me dalle nebbie, improvvisa. Quando penso che sia scomparsa da molto tempo, appare improvvisamente ancora una volta. Avviene in un attimo – un’atmosfera che il mio occhio cattura o intravede – questo accade e devo agire in fretta.

Quali sono le principali caratteristiche dei tuoi lavori?
Profondità del colore ed emozione. La maggior parte dei miei lavori, ho notato, hanno come punto di riferimento la ricchezza delle tonalità, ma la vera caratteristica è l’emozione. C’è una storia dentro ad ogni mio lavoro, non vi resta che leggerla.

C’è un tema o una chiave di lettura dei lavori che esporrai qui ad ArtEdLand?
Non lo so ancora, per il momento ho cominciato a costruire il lavoro che esporrò. Questo è il mio modo di lavorare anche a The Rose. A volte mi rendo conto che è una prospettiva spaventosa: vivere sempre in bilico e al limite.

Cosa vedi nel futuro dell’espressione artistica in SL?
Come la tecnologia si evolve e cresce così noi troveremo sicuramente il modo per mettere le ali alla nostra immaginazione.

 

 

Fuschia NightFire – Essential Biography

fuschia_ritrattoFuschia Nightfire (known in real life as Nina Camplin) is a mural artist specialising in trompe l’oeil.

She is interested in challenging the viewer’s perception of space and creating illusions of faked realities.

Living in Dorset on the South Coast of the UK, many of her RL paintings feature the sea and the nearby heathland.

Fuschia is using second life as an alternative medium for creating art through her multi-award winning 3D works and animated film.

See her profile picks for current shows on SL.

In 2010 she started making video/machinima on SL: http://www.youtube.com/user/ninacamplin

Or you can see her RL work by visiting her website at: http://www.ninacamplin.co.uk

Continue reading

Fran Ghoststar – Intervista

What was briefly your experience in Second Life?
I build my dreams on SL since April 2012. My first experience was H67, a condominium inspired by HABITAT 67 at Montreal; with flats, art galleries, museum,  mall and club. I want to thank Joaopedro Oh, who was my partner. I learned a lot and it was a big success ! :)

When did you discover your artistic passion?
I am architect in real life and i discovered my artistic passion when i was 5 (lol). When I was a schoolboy, I also went to the school of fine art, to learn drawing and painting. Later, I learned sculpture in my school of Architecture.

Do you practice the art only in SL or in RL also ?
I am not good with 2D. So in real Life, I’m better in architecture than in painting. I do not want to show my paintings on SL . They are pretty ugly lol .
However, SL is a fabulous tool for artistic creation and I use it for both worlds. Architecture is the first of the seven arts, is not it?

Where do you scoop the inspiration for your works in SL?
I spend hours in the INSILICO sims , blissful admiration :))
Also, since forever, I am fascinated by the animated sculptures and robotics. Impossible for me to build in the real world. So, I started to build mobile sculptures, inspired by Alexander Calder. Now I script according to my needs, and I work on interactive sculptures.

What are the main features of your works?
When I was a student, I was fascinated by the Bauhaus school, which has reinvented all the arts with the industrial revolution.
Architecture, sculpture, painting, design, graphic design, dance etc … It is why I built BAUHAUS 2012 @ design Center Sim , to share my love for contemporary art.
My intention is not to copy what have been done. I think SL is a new creative tool that must be used in the same spirit as the Bauhaus. The industrial revolution is dead.  Long live to the electronic revolution ! :))

Is there a theme or a key to the works you exhibit here in ArtEdLand?
The blood of BAUHAUS is flowing through my veins. I want to show what we can do in SL with the same spirit.

What is your prediction for the evolution of artistic languages in SL?
The artistiques limits of SL are innaccesibles. Only God can answer to this question :) Artists know very well use the new tools at their disposal. Look at the great work of my friend Tutsy Navarathna .
http://www.youtube.com/user/TutsyNavarathna WOOOO ! what can we say more ? :)

_____________________________________________________________________________________________

Qual è stata brevemente la tua esperienza in Second Life?
Costruisco i miei sogni su SL da aprile 2012.
La mia prima esperienza è stata H67, un condominio ispirato HABITAT 67 a Montreal; con appartamenti, gallerie d’arte, musei, centri commerciali e club.
Ho imparato molto ed è stato un grande successo! :)

Quando hai scoperto la tua passione artistica?
Sono un architetto nella vita reale e ho scoperto la mia passione artistica quando avevo 5 anni (ride). Ho frequentato la scuola di belle arti, per imparare il disegno e la pittura.
Più tardi, ho imparato la scultura durante i miei studi di Architettura.

Realizzi i tuoi lavori artistici solo in SL o anche in RL?
Lo ammetto non sono bravo negli spazi 2D. Quindi, nella vita reale, sto meglio nella dimensione 3D, preferisco l’architettura alla pittura. Non ho nessuna intenzione di mostrare i miei dipinti in SL, in verità sono piuttosto brutti (ride).
Tuttavia, SL è un favoloso strumento per la creazione artistica e lo uso per entrambi i mondi. L’architettura è la prima delle sette arti,  vero?

Dove trovi l’ispirazione per i tuoi lavori in SL?
Passo ore nella sim INSILICO, in beata ammirazione :)), inoltre da sempre, sono affascinato dalle sculture animate e dalla robotica. Sarebbe impossibile per me per costruire nel mondo reale così, ho iniziato a costruire sculture mobili, ispirandomi ad Alexander Calder.
Programma gli script a seconda delle mie esigenze e mi occupo di sculture interattive.

Quali sono le caratteristiche principali dei tuoi lavori?
Da studente sono rimasto affascinato dalla scuola del Bauhaus, che ha reinventato tutte le arti, con la rivoluzione industriale.
Architettura, scultura, pittura, disegno, grafica, danza, ecc …
E’ per questo che ho costruito BAUHAUS 2012 @ Design Center Sim, per condividere il mio amore per l’arte contemporanea.
La mia intenzione non è quella di copiare quello che è stato fatto, per me SL è un nuovo strumento creativo da utilizzare con lo stesso spirito del Bauhaus.
La rivoluzione industriale è morta. Viva la rivoluzione elettronica! :))

C’è un tema o una chiave di lettura per i lavori che esporrai qui a ArtEdLand?
Il sangue di BAUHAUS scorre nelle mie vene e cerco di mostrare cosa possiamo fare in SL con lo stesso spirito.

Qual è la tua previsione per l’evoluzione dei linguaggi artistici in SL?
I limiti artistici di SL sono inimmaginabili. Solo Dio può rispondere a questa domanda :)
Gli artisti sanno usare benissimo i nuovi strumenti a loro disposizione. Un esempio:  il grande lavoro del mio amico Tutsy Navarathna (date un’occhiata qui http://www.youtube.com/user/TutsyNavarathna ) WOOOO! cosa possiamo dire di più? :)

Moya Patrick – biografia

Nato nel 1925 a Troyes da genitori d’origine spagnola, Patrick Moya ha frequentato l’istituto d’Arte della Villa Arson a Nizza (Costa Azzurra) prima di posar nudo come modello alle Belle Arti per dieci anni con lo scopo di diventare «la creatura al posto del creatore».
S’interroga sul cambiamento apportato alla storia dell’arte dai nuovi media secondo gli scritti del celebre teorico canadese McLuhan: «con i media d’ubiquità, come la diretta in televisione, il creatore non ha più il tempo di raccontare la storia d’arte, deve, per esistere, diventare creatura».
Dopo questo lungo episodio dove gioca il ruolo di Narciso ammirandosi nello sguardo degli altri, comincia veritabilmente la sua opera lavorando sull’utilizzo delle lettere del suo nome, MOYA, assimilando l’opera alla sua firma durante il suo periodo «néo-lettrisme» prima d’inventarsi nel 1996 un alter ego, il suo piccolo moya, autoritratto caricatturale che gli permette d’allora d’esistere nella sua opera.
Nel 1998, sarà presente nella galleria Ferrero, celebre per difendere l’esistenza dei più grandi artisti della scuola di Nizza.
Le sue opere prolificano, un universo personale nasce poco a poco, un bestiario quasi umano, pieno di stranezze e poesia, che rimane in piedi in direzione dello spettatore.
Nel 1999, appare la Dolly, una pecorella maliziosa che diventa il simbolo delle serate techno «Dolly Party» e arricchirà il suo universo.
Giugno 2007, il termine, dopo quattro anni di lavoro degli affreschi murali di una cappella che porta il suo nome situata nel piccolo villaggio di Clans (entro-terra di Nizza), e da febbraio 2009, puo’ sfilare sul suo primo carro creato per il carnevale di Nizza.
Nello stesso tempo, Moya erige delle sculture monumentali in acciaio in Asia e Modella dei piccoli lettini in ceramica in Italia, passando con virtuosità dal pennello al computer, dall’arte contemporanea all’arte numerica, o meglio post-numerica.
Moya non ha limiti vuole essere dappertutto e provare tutto; già dal 1985, utilizza per le sue opere un computer Thomson MO5 per scrivere il suo nome, e rapidamente, realizzerà delle immagini e dei film in 3D, nei quali rinventa il suo universo.
A partire da Febbraio 2007, s’installa nella Second Life (SL): su un’isola virtuale che possiede in questo web in 3D. Il creatore é finalmente diventato una creatura che vive nella sua opera come un avatar chimandosi, Moya Janus, e accoglie i suoi visitatori immergendoli nel suo universo.
Concepita come un’opera d’arte globale, quest’isola é il risultato d’una iniziativa invasiva divenuta immersiva.
Tutt’oggi riconosciuto anche come artista numerico, partecipa al «Rinascimento virtuale» : titolo della prima esposizione d’artisti di Second Life che avvenne nel 2009 nel museo antropologico della città rinascimentale di Firenze, nel quale una sala intera fu consacrata alla tematica «Civiltà Moya».
Nel 2011 data dell’edizione del catalogo ragionato “Artstoarts” (40 anni di creazione, 4200 opere repertoriate) una nuova “civilizzazione Moya” nasceva sui muri del museo d’Arte La Malmaison di Cannes : un affresco installato di 90m di lunghezza e 4 m di altezza che racconta la sua avventura artistica.
Questa esposizione,fedelmente riprodotta nella Second Life, permetteva al visitatore d’incontrare l’avatar dell’artista e di percorrere in sua compagnia il suo universo virtuale.
Ancora oggi l’avventura continua nel virtuale ma anche nel reale – in Corea, a Fontainebleu, Monaco, Bruxelles, Padova, Cologna, Marsiglia, Metz o Cuneo…

Intervista a Faery Sola

What was briefly your experience in Second Life?
I first heard about Second Life from a TV program called “Beyond Tomorrow” in July 2006. I was curious to see what virtual worlds were all about so I hopped on to net and created an avatar. I was quite overwhelmed at first, and stayed on help island trying to get it all “right” LOL! I met Flippa Stella the day I rezzed, who is also from Australia and had seen SL on the same program. We’ve been mates ever since.
I knew next to nothing about computers, let alone the internet… people would talk about PS and I would be waiting for their “post script”, it took ages to realise they were talking about Photoshop!
I soon began building, and started out making items in SL using uploaded pictures taken of my RL paintings :)
I have been constantly blown away by the creativity in SL, and I think this is the primary reason I’ve stayed over the years. SL is a platform for people to discover talents and skills that they might never have known that they have.

When did you discover your artistic passion?
I’ve always drawn and painted, SL was a gateway into digital and 3D art for me… I’ve never looked back :)

Do you practice the art only in SL or in RL also ?
Both, although SL mostly now.

Where do you scoop the inspiration for your works in SL?
I have a very random brain LOL. I get inspiration from books, movies, plays, quotes, folk lore, mythology, fantasy, and anywhere really… everything is a potential inspiration.

What are the main features of your works?
Interactivity. I’ve never much cared for things in either RL or SL that are just for looking at… I’d much rather have something to play with heehee.  Usually though, my work is quirky, fun and/or emotive… it’s whatever I want to make at the time.

Is there a theme or a key to the works you exhibit here in ArtEdLand?
Not really, I just wanted to share some of my favourite things :)

What is your prediction for the evolution of artistic languages in SL?
um?… as building tools and mediums become more sophisticated I think that there are no limits for how creativity will be expressed. That is one of the major reasons I love SL so much :)

*********************************************************************************************************************************************************

Italian Translation

Qual è stata la tua esperienza in Second Life?
Ho sentito parlare di Second Life in un programma televisivo chiamato “Beyond Tomorrow” nel luglio 2006. Ero curiosa di vedere cos’erano i mondi virtuali così sono andata in rete e ho creato il mio avatar. All’inizio mi sono trovata un po’ in difficoltà e sono stata per molto tempo a cercare aiuto e tutto quello che mi poteva servire! Ho incontrato Flippa Stella il giorno in cui sono nata in Second Life, che è australiana come me e aveva visto lo stesso programma. Da allora siamo diventate amiche.
Non conoscevo molto di computer e ancor meno di internet … qualcuno mi parlava di PS e io aspettavo i loro “Post Scriptum”, c’è voluto parecchio tempo per rendermi conto che stavano parlando di Photoshop!
Ho cominciato presto a costruire e ho iniziato a produrre oggetti in Second Life utilizzando le foto dei miei dipinti in RL :)
Mi sono spesso stupita del fermento creativo in SL e questo è il motivo principale per cui sono rimasta in Second Life tutti questi anni. Second Life è una piattaforma dove le persone possono scoprire i loro talenti e competenze con modalità altrimenti impensabili.

Quando hai scoperto la tua passione artistica?
Ho sempre disegnato e dipinto, Second Life è una porta aperta per l’Arte Digitale e 3D per me … non mi piace guardarmi alle spalle :)

Pratichi l’unica arte in SL o in RL anche?
Entrambe, anche se in gran parte ormai Second Life.

Da dove attingi l’ispirazione per le tue opere in SL?
Ho un cervello molto versatile. Mi piace trarre ispirazione da libri, film, giochi, citazioni, folklore, mitologia, fantasia … tutto è davvero un’ispirazione potenziale.

Quali sono le caratteristiche principali dei tuoi lavori?
L’interattività. Non mi sono mai occupata eccessivamente delle cose, sia in RL sia SL, che vanno solo guardate … preferisco avere qualcosa con cui giocare heehee. Di solito il mio lavoro è eccentrico, divertente e/o emotivo … è quello che voglio fare in quel momento.

C’è un tema o una chiave di interpretazione per i lavori che esporrai qui a ArtEdLand?
Non proprio, solo il piacere di condividere i miei lavori preferiti :)

Qual è la tua previsione per l’evoluzione dei linguaggi artistici in SL?
Uhm? … considerando gli strumenti di costruzione e i mezzi sempre più sofisticati penso che non ci saranno limiti per esprimere la propria creatività. Questo è uno dei motivi principali per cui amo Second Life così tanto :)

ArtEdLand su “My Life” di settembre 2012

ArtEdLand - intervista su "My Life 3D" - Settembre 2012

 

 

Intervista a due: Cullan Suntzu (SL) e Carlo Criscione (RL)

Un’intervista a due: Cullan Suntzu presenta e promuove in SL il pittore Carlo Criscione

Com’è iniziata brevemente la tua esperienza in Second Life?
Cullan: sono in SL dal lontano 2005, quando ho scoperto SL per la prima volta. Era ancora in embrione e anche il mio pc non era molto capace di sopportarlo così tornai pienamente in questo mondo virtuale qualche anno dopo. E’ stato il gusto della scoperta di un nuovo mondo ad attrarmi qui e sa subito capii che era molto più di un gioco. Il mio amico Carlo Criscione non ha ancora scoperto SL, ed è per questo che lo rappresento io in questo mondo.

Carlo, quando hai scoperto la tua passione artistica?
Carlo: la mia passione artistica non l’ho scoperta, è nata dentro di me. E’ il talento che cresce dentro di te con gli anni. E poi non è che ti rendi conto che tipo di talento hai, man mano che vai avanti fai una stima di te stesso e di quello che vorresti raggiungere ancora.

Pratichi questa tua passione in SL o anche in RL?
Cullan: Carlo non è pratico di computer e in verità è una cosa che non lo appassiona molto, quindi la sua esperienza con l’arte è puramente RL.

Da dove attingi l’ispirazione per le tue opere?
Carlo: quando ero giovane facevo molta ricerca sulla tavolozza, ed ero molto ispirato alla pittura antica, all’impressionismo, specialmente a Van Gogh, avendo vissuto sulla mia pelle molte delle sue esperienze di vita.

Quali sono le principali caratteristiche estetiche dei tuoi lavori?
Carlo: io faccio un tipo di pittura che è un espressionismo ottico, un tipo di pittura che lavora su più punti di fuga. Ho sperimentato un modo di mettere in un progetto fino a 8 punti di fuga. E’ una tecnica molto particolare, è molto facile sbagliare.

I lavori che esporrai qui ad ArtEdLand hanno un tema specifico o una possibile chiave di lettura?
Carlo: nessuna in modo specifico, ma dedico a tutti un titolo “Una Novella per Pittori espressionisti”

Come prevedi si evolveranno i linguaggi artistici in SL nel futuro?
Cullan: La comunità artistica in SL è molto attiva e SL ha permesso il nascere di nuove forme artistiche. Con l’evolvere della tecnologia anche le forme artistiche native di SL si svilupperanno.

Intervista a Maryva Mayo

Com’è iniziata brevemente la tua esperienza in Second Life?
Avendo letto nel web, di questa nuova piattaforma virtuale, prima per curiosità, poi per sete di conoscenza, nel 2006 entrai saltuariamente tramite amici, poi nel 2007, affascinata da questo mondo, dove  regna la fantasia e la creatività pura, vi entrai in maniera continuativa  come Maryva Mayo.
Curiosa, proiettata sempre verso il futuro, amante delle nuove tecnologie, ricerche e sperimentazioni, da subito considerai  SL NON un gioco, ma un’avventura, un’esperienza quasi pionieristica da “vivere”, un’opportunità da non lasciarmi scappare.

Quando hai scoperto la tua passione artistica?
La mia passione artistica, non è certo nata in SL, amo l’Arte in tutte le sue forme d’espressione, ho dipinto in gioventù da dilettante, studiato pianoforte, viaggiato, … visitato Musei, città d’arte, mostre e gallerie in RL e nel Web, dove e quando possibile.
In SL, a Indire, ho seguito i primi corsi ed appreso come manipolare i prims, lì sono entrata in contatto con alcuni artisti, che hanno fatto risvegliare in me la passione per l’arte, non come spettatore, ma come creatrice, ed ho iniziato a manipolare i prims nativi, come fossero creta.

Pratichi questa tua passione in SL o anche in RL?
Inizialmente solo in SL, ma ultimamente sto iniziando anche in RL.

Da dove attingi l’ispirazione per le tue opere in SL?
Per me l’arte è comunicazione, ed io cerco di comunicare, di esprimere me stessa, … le mie sensazioni,  momenti di vita vissuta o virtuale  … attraverso i miei lavori. Da grande viaggiatrice, in questa immensa fucina di idee che è SL, a volte un suono, uno scorcio di panorama irreale, … ma reale per chi lo sta vivendo,  sono la scintilla che mi ispira un’idea … che cerco poi di realizzare in prims.
Altri sono studi di tecniche, o progetti a tema. Ciclicamente sento l’esigenza di realizzare studi geometrici di alta precisione, che in SL sembrano sfidare le leggi della fisica, … lavorando con la matematica; sono così costretta a “ritornare con i piedi a terra” , abbandonare temporaneamente i miei voli, le mie fantasie, … i miei sogni.  Questa ginnastica mentale, mi ricarica e mi da lo slancio per ripartire per nuove mete.

Quali sono le principali caratteristiche estetiche dei tuoi lavori?
Questo dovresti chiederlo a un critico, non a me!
Amo fare opere da “vivere” … in cui poter entrare, impalpabili, ma  capaci anche di dare sensazioni di consistenza … ( così mi dicono ) e/o creare giochi di luci e colori.
Quello che posso dirti è che attualmente la mia arte in SL, è focalizzata sull’interazione di strutture dinamiche e interattive con texture e frattali, appositamente da me creati, al fine di trasmettere meglio i miei messaggi.

I lavori che esporrai qui ad ArtEdLand hanno un tema specifico o una chiave di lettura?
Ho tenuto conto del progetto EDULAND, pertanto esporrò quali esempi per gli allievi, lavori di generi differenti: 2D, 3D, opere statiche e/o dinamiche e arte Frattale. Tutti i lavori, sono collegati da un comun denominatore, un unico colore, con valenze e toni differenti.

Come prevedi si evolveranno i linguaggi artistici in SL nel futuro?
Penso che le piattaforme virtuali, nei prossimi anni, possano essere di grande stimolo ed aiuto per molte espressioni artistiche, dando la possibilità di sperimentazioni, test, pre-lanci a costi bassissimi rispetto a RL, maggiormente se si potrà accedere a SL,  direttamente dal Web senza neecessità d’installazioni di browsers.
Non posso prevedere se e come si evolveranno i linguaggi artistici in SL, in quanto dipende da come si svilupperà SL, e fondamentalmente dalla politica che seguirà la Linden riguardo l’arte. Dipenderà da quali strumenti verranno messi a disposizione degli artisti, a quali costi, dalla stabilità dei server e dagli artisti che rimarranno o verranno in SL.

Calendario

March 2019
M T W T F S S
« Oct    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031